domenica 24 gennaio 2010

Elucubrazioni diurne e notturne addolcite da torta marmellata e mele



Spesso mi soffermo a pensare: fa bene la gente che si accontenta o faccio bene io che combatto peggio di San Giorgio e il Drago (che io chiamo Gino)? MI capita con frequenza di invidiare chi ha il dono si sapersi accontentare di quello che la vita gli ha messo davanti, perchè queste persone si sono sollevate da un milione di casini. Io che nasco Leone ascendente Ariete non ho scritto questo nel DNA e cammino su strade a dir poco improbabili, con grandi sacrifici e rinunce e grandi battaglie alla conquista di quello che normalmente tutti hanno con facilità nelle loro vite. Ma no, io un lavoro "normale" no, una vita sentimentale giammai. Già, anni 30, bambocciona perchè non ho saputo accontentarmi di un impiego di ufficio (che poi di tranquillo non aveva un beato nulla) e di uomini che sapevano amarmi con semplicità e senza troppe pretese ma anche senza troppe palpitazioni. Ho sempre detto che nella vita ho un sogno: arrivare a 80 anni e avere mille aneddoti e mille cose incredibili da raccontare ai miei nipoti (sempre che Dio abbia la bontà di farmi ad un certo punto incontrare il famoso "domatore di leoni" che a sua volta abbia voglia di farsi addomesticare e abbia la Bontà di regalarci la gioia dei figli). Se avete la pazienza di aspettare una ventina di anni vi dirò se ho avuto ragione io oppure ho sbagliato tutto :)



In preda ad elucubrazioni notturne con relativi sogni complessi e giri e rigiri nel letto e in vista di due giorni di lavoro tanto belli quanto faticosissimi, meglio addolcirsi con una fetta di torta tutta casereccia, ma buona buona buona!



INGREDIENTI
  • un vasetto di yogurth Muller alla vaniglia (o anche altro sapore ma neutro)
  • 3 vasetti di farina
  • 2 vasetti di zucchero
  • 1 vasetto scarso di olio di arachidi
  • 3 uova
  • 2 mele
  • gelatina di mandarini a volontà
  • scorza di limoni
  • uvetta
  • una bustina di lievito

Trattasi di una base di torta allo yogurth alla quale aggiungo ingredienti per rendarla ancora più rustica. In una terrina mischiare lo yogurth con le uova, aggiungere lo zucchero, la farina, l'olio, la scorza del limone, l'uvetta e le mele precedentemente tagliate a cubettini. In ultimo il lievito e solo prima di mettere nella tortiera con un cucchiaino da caffè aggiungere delle "perle" di circa un cm di diametro di gelatina di mandarini. La gelatina rispetto alla marmellata è più consistente per cui non si mischierà con il resto del composto e rimarrà quasi del tutto intatta in tortiera. Forno caldo 180° per un'oretta scarsa. Fantastica per colazione o merenda


 





20 commenti:

dolci a ...gogo!!! ha detto...

tesoro buona domenica e sai nella vita forse è pure bello nn sapersi accontentare perche magari sappiamo che per noi c'è scritto ben altro e tu fai bene a rimanere della tua idea e combattere per i tuoi sogni!!!questa torta è favoloso davvero!!!viene voglia di addentarne subito una fetta!!!bacioni grandi imma

fantasia in cucina ha detto...

Che bella questa torta, mi fa venire un gran voglia di mangiarla. Buona domenica.

michela ha detto...

Ha tutti gli ingredienti che adoro..
la tengo in evidenza..ho giusto delle mele...
;-)

anna the nice ha detto...

Cara Chiaretta mia,
hai ragione a desiderare mille avventure da raccontare. Ma come vedi bisognerà pur mangiare ... e se tu non vivessi con i tuoi, ti accontenteresti del lavoro dell'ufficio, noioso ma sicuro.
Però attraversando le mille strade delle vite che ho incontrato, ho imparato che le cose belle non sempre sono le più strane e non sempre sono lontane da noi, comuni esseri mortali. vedessi quanti mondi dentro e quanta ricchezza. bisogna solo apre un pò gli occhi e il cuore. E aspettare il momento. Non so dirti quando, ma di sicuro all'improvviso arriva tutto insieme.
Che spettacolo di dolce... vedi anche le cose che fai tu sono un dono, per chi ti sta vicino.
Un abbraccio
Anna

Luca and Sabrina ha detto...

Che spettacolo quella fetta di torta, che dallo schermo grida tutta la sua bontà e fa sciogliere l'acquolina a fior di labbra!
S.George and The Dragon....anni fa acquistai a Londra un piccolo anello d'oro con la scena fatidica rappresentata su una sorta di moneta. La comprai perchè in un certo senso mi rappresentava. Io spirito inquieto ed indomito, quella a cui mia madre diceva "Dovresti trovare qualcuno in grado di addomesticarti!" ed io rifuggevo legami che ritenevo superficiali, monotoni, senza scosse al cuore. E così ho sempre fatto. Finchè, finchè ti innamori perdutamente e allora cominci a fare progetti, a sognare quella capanna in cui fare abitare i due cuori. E allora l'importante è avere un lavoro. Possibilmente che ti rappresenti, ma non sempre è possibile. E così trovi un lavoro anche d'ufficio. Ma sono convinta di non essere quello, o meglio di non essere solo quello. Quel lavoro mi permette di potermi permettere di coltivare tutti i sogni e tutte le passioni che ho dentro, seppur con tanti sacrifici. Così anche con un "lavoro a carico" continuo a non accontantarmi, continuo a lottare per vedere realizzati i miei piccoli o grandi sogni, i progetti che condivido con Luca e che sono sicura che riusciremo a portare a termine. Odio i compromessi, ma alle volte ci sono dei piccoli prezzi da pagare e si pagano volentieri se non ci snaturano!
Un abbraccio da Sabrina
Sabrina&Luca

Simo ha detto...

Chiara...che torta meravigliosa in tutta la sua semplicità!
Bella umida come piace a me...
Cara, rimani così come sei e continua a inseguire i tuoi sogni...non te ne pentirai!
Un bacione

Simona la golosa ha detto...

Ma questa torta è meravigliosa.. morbida e soffice, la devo provare... anche se non ho la confettura di mandarini ma solo quella di arance!

Federica ha detto...

me ne mangerei una fetta!! è davvero molto invitante!

stefi ha detto...

Che buonaaaa!!!!
Me ne offri un pezzetto che ho lacquolinaaaa!!!!

Lauradv ha detto...

Questa torta è bellissima e la foto la rende veramente molto invitante! Lauradv

katie113 ha detto...

Fai bene a non accontentarti.... Mai e poi mai farlo!!! La mancanza di qualcosa che si desidera è una parte indispensabile della felicità.
Bellissima e buonissima torta! Complimenti!!!Ciao, Katie.

NIGHTFAIRY ha detto...

Io non riesco mai ad accontentarmi, anche se a volte..avrei dovuto!ma questo si scopre solo dopo..grrr..Bellissima la torta!
Buona domenica!

tartina ha detto...

io pure sono incontentabile, ma l'aspirazione alla perfezione fa parte della vita umana :) non avessimo ideali o progetti a cui tendere, non andremmo mai avanti, purtroppo... quindi tieni duro, e cerca di perseguire quello che ti aspetti dalla vita!
intanto, i tuoi nipoti potresti raccontare le tue mille ricette, di cui custodirebbero il ricordo gelosamente... per esempio, questa torta dev'essere buonissima :P

un abbraccio
*

lenny ha detto...

Lascia le elucubrazioni alla notte e persegui i tuoi ideali di giorno, traendo la giusta energia da una soffice e golosa fetta di torta :)

Gio* ha detto...

questa è la mia Chiara!
leone ascendente ariete un q.b di dolcezza e un pizzico di coraggio!
love u mon amour.
continua sulla strada che ti stai scrivendo io che ti osservo da 26 anni continuerò a farlo!fiera!

simo ha detto...

Ho fatto la tua torta buonissima....solo una cosa dimezzerei lo zucchero !

grazie !

Moscerino ha detto...

una fetta di torta fatta in casa è sempre terapeutica, e va bene in qualsiasi circostanza!
persino in una notte di pensieri strani...
spero che le tue notti successive siano state quiete!
un abbraccio

giulia ha detto...

...amica sono le 22.23 e vedere questa fetta di torta...mi ha fatto letteralmente venire l'acquolina...
come faccio a combattere questa voglia???
uffi....
ti abbraccio
penso al tuo forno...come alla valigia di Mary Poppins

Paola ha detto...

Che bella torta! Amo le torte di mele e scoprirne sempre di nuove è sempre un piacere. se le tue elugubrazioni notturne ti portano a sfornare tali bontà, dovresti elugubrare più spesso.
Buona giornata

Paola

Anonimo ha detto...

Bellissima, stupenda torta, brava, solo una critica costruttiva, ti dispiacerebbe mettere il diametro delle teglie nelle ricette?? è importante per chi non ha il senso della misura e per la perfetta riuscita della torta, pensa se metessi quest impasto in una tortiera da 30 cm o da cm non sarebbe la stessa cosa no??? Scusa per l appunto ma credo che sia una richiesta che molti facciano spesso. Un caro saluto
Anna Fano

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà dell’autore e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © 2007-2012 LePupilleGustative di Chiara Pallotti