venerdì 18 maggio 2012

Contro le jatture degli ultimi 6 mesi, crostata con crema amande e frutti di bosco


 Pubblicherò questo post quando sarò rientrata in base. Dove sono finita? E chi lo sa, almeno, io non lo so onestamente. Fisicamente mi trovo nel mio “buen retiro”, sono bellamente seduta su una sedia a sdraio imbottita sotto il mio portico, sottofondo di grilli del bosco, avvolta in una coperta di lana . Sono le 20, 50, mi trovo in questo luogo mooolto isolato da ieri perché ho preso e sono scappata dalla città. Le jatture sono state decisamente troppe al che ho pensato che prendendo la macchina e percorrendo questi 100 km magari le avrei disseminate. E’ un giovedì da caldo record, il sole di oggi mi ha ustionata e sebbene io sia circondata da pini montani anche qui ci sono stati 27 gradi quasi. Da dove ha inizio tutto? Da 6 mesi fa, forse 7. Dopo 6 mesi di tira e molla con MisterEx, mio bellissimo (ex) fidanzato di design, ero riuscita a convincerlo ad andare in vacanza insieme. Lui è il MisterBig all’amatriciana, de noantri. Quasi quarantenne, rampantissimo avvocato milanese, fascinosissimo, brillantissimo, elegantissimo, simpaticissimo, coltissimo… imprendibilissimo! Trascorriamo la nostra settimana in terra sarda nella lussuosissima tenuta che avevamo affittato (a un prezzo modico però eh!) nell’idillio tra topi grandi come gatti in casa, rane e animali di ogni tipo fuori dalle mura, acqua ghiacciata in bagno e un rientro Olbia-Genova che se non sono morta o di paura o di annegamento è solo che faccenda miracolosa. In ottobre decido che sì, è arrivato il momento di comprare casa: eh già, il tranello è teso. La compro io ma a suon di pollo ai peperoni & pizze all’unto ti accalappio e con l’inganno ti porto a vivere con me, ah ah! Trovo così la casa: bella, luminosissima, con un arco che è un sogno. Mia, mia, miiissima! Ma…. Ma la famigerata immobiliare che inizia per Pir e finisce con Elli guarda caso si dimentica di dirmi che il proprietario che vende non è il proprietario e dopo aver scartabellato chili di scartoffie tra tribunali, avvocati, notai e affini ne viene fuori che la compravendita è più losca della truffa Parmalat e di truffe si parla. Triste ma rassegnata dico ciao con la manina alla mia casa. E con lei se ne va pure MisterEx, annoiato e scontento della relazione dopo 5 anni si fa di fumo con i miei sogni di famiglia e convivenza. E chissenefrega, vattene brutto panzone che non sei altro, non sei nemmeno così bello come credi ecco (SNIFF, SOBB, datemi un altro kleenex).



 L’orrido e gelido inverno passa portando con sé le mie tristezze e in quel di febbraio un’immobiliare mi contatta: hanno la casa per me. Ma sì, me ne vado io a vivere da sola alla faccia tua, sai come sto bene, sai che pacchia senza i tuoi calzini sporchi e maleodoranti dopo gli allenamenti, senza i tuoi peli sparsi come un tappetino in bagno, senza le tue camice e completi da stirare. Tiè. La casa è lì: bella, bellissima, con il balcone che guarda verso le montagne lontane, con la cucina che è una bomboniera. E ricomincia con il direttore di banca e mise da guerra per estorcere il mutuo con mezzi ai limiti del lecito (no beh dai ero solo elegante come se stessi andando ad un ballo monegasco con i Principi), e conti in tasca e richieste e carte bollate e… in un mese le facciamo sapere. Passa il mese, con altri deliri come l’asportazione di un neo sospetto. “ma va chiara non essere tragica, che vuoi che sia un neo, sei ridicola”… La ridicola si è beccata 4,5 cm di taglio e 9 punti di sutura e un decorso che non è stato esattamente come una passeggiata a mangiare un gelato alla vaniglia & pistacchio. E sia, passata pure questa. Arriva la data e speranzosa chiamo la mia agente che con tono lugubre mi dice “mi spiace ma la proprietaria non ha accettato perché non ha trovato dove andare a vivere lei”. Le bestemmie e insulti che sono volati li so io e nessun altro al mondo, oltre i miei, i miei vicini di casa, le mie amiche, il mio capo ;) PorcacciaLadracciaMignottaccia ora mi tocca ricominciare la ricerca, e che palle di qui e che palle di là---- DRIIIINnnnnNN (telefonata del mio editore) “Sono spiacente di dirti che delle due testate che sviluppi per noi una chiude (Ergo ti diamo la metà dei soldi che ti davamo e Dio solo sa se questo ricettario continua o ti togliamo anche questo che ti resta). EMMISONOROTTALEPALLE, ecco! In 6 mesi ho: due case in meno, un fidanzato di Design in meno, una scucchiaiata di pancia (ma non di ciccia) in meno e un lavoro in meno. Per questo sto qui, medito nel buio del portico, tra lo scampanellare delle mucche e i grilli pensando che poteva andare peggio, che tutto quello che se ne va lascia il posto a qualcosa che arriverà e che la vita è una continua montagna russa: attese di ore per fare i biglietti (e trovare case degne, lavori possibili, fidanzanti non agghiaccianti) molta adrenalina, momenti di panico, attacchi di vomito, la sensazione di voler abbandonare la corsa spesso e volentieri ma pur sempre emozionantissima e terribilmente affascinante.


Per la frolla
::  300 gr di farina ::
::  150 gr di burro  ::
::  1 uovo ::
::  100 gr di zucchero a velo ::
::  scorza di un limone ::
::  un pizzico di sale  ::

Per la crema 
:: 250 ml di latte  ::
::  16 gr di farina  ::
::  40 gr di zucchero  ::
::  60 gr di burro  ::
::  60 gr di zucchero a velo   ::
::  60 gr di farina di mandorle  ::
::  2 tuorli + 1uovo  ::
::  scorza di un limone  ::
::  150 gr tra lamponi e mirtilli  ::

In una terrina lavorate a crema il burro con l'uovo, il limone, il sale e lo zucchero a velo. In un solo colpo aggiungete la farina e con la punta delle dita amalgamate molto velocemente lapasta in un panetto. Avvolgetela in pellicola alimentare e fatela riposare in frigorifero un’ora. Preparate la crema pasticcera: in un pentolino portate a bollore il latte con la scorza di limone in infusione.  In un altro pentolino amalgamate due tuorli con lo zucchero semolato e la farina, dopodiché versate a filo il latte filtrato e mettete sul fuoco: cuocete la crema rigirandola fino a bollore poi spegnete. Foderate una tortiera da 22 cm con la pasta frolla e mettetevi sopra un disco di carta da forno con appoggiati dei pesi, ad esempio fagioli secchi. Cuocete “in bianco” in forno a 170¡ per circa 10 minuti, eliminate i pesi e continuate la cottura per altri 5 minuti. In un mixer frullate la farina di mandorle con il burro a pezzetti, lo zucchero a velo e l’uovo e aggiungete il composto alla crema pasticcera: versate il tutto nel guscio di frolla, decorate con i lamponi e i mirtilli e cuocete a 170¡ per 25 minuti, il tempo che raddenserà la crema. Se i bordi della crostata dovessero scurire troppo potete proteggerli avvolgendoli con carta stagnola!

12 commenti:

Perla ha detto...

Mi hai fatto venire i brividi... tieni duro e continua così: mandando a quel paese tutti e trovando il tempo per te, anche per bestemmiare!

Per quanto riguarda il dolce posso solo commentare così "Crostaaataaaa" (con pronuncia alla Homer e bavetta al lato della bocca)!

la sissa ha detto...

Perfetto il ritiro!! Io ci aggiungerei qualche massaggio o trattamento coccola in qualche centro benessere della zona per recuperare umore e sensazione di benessere e, come dici bene, si chiude una porta e si apre un portone. Bisogna crederci e volersi bene, mi raccomando..
Notte,
Sissa

Chiara Picoco ha detto...

E tralasciando taaaaaaaanto altro che è passato sotto il ponte nel frattempo. Ma sei sempre più esaurita... in senso buono eh!
Oggi niente torta per me, mi aspetta il tiramisù fragoloso :-D

Cinzia ha detto...

Ah Chiara! Ho letto tutto d'un fiato il tuo post, di cui sapevo qualcosa ma non tutto.. e speriamo che l'aria frizzante delle notti e delle mattine profumate di bosco, ti faccia far pace con questo mondo fatto di persone pazze. Nonostante tutto è sempre un posto meraviglioso :)
Gustiaoci una fetta di torta (lei si che è perfetta e profuma di bosco!!)
un grande grandissimo abbraccio
Buon WE valligiano

Cecilia ha detto...

Ho adorato questo post. così reale che è raro leggerne!
e la ricetta.... gnam!! :)
Cecilia

Simo ha detto...

...la mia nonnetta adorata diceva in dialetto milanese "Quand la legura l'è in pè, tutt i can ghe curen adreè" (traduzione quando la lepre è in piedi, tutti i cani le corrono dietro) ovvero...quando inizia una sfiga, sembra che tutte le altre sfighe esistenti la rincorrano..
Però in mezzo a tutto sto rebelot c'è da dire che due cose positive ci sono: il vile ex panzone se ne è andato, tiè! e hai fatto una torta che dire da urlo è poco...
Tesoro, scherzi a parte tieni duro che tutto passa. Non perdere la tua positività...quando vuoi sai che io son qua..ti abbraccio forte forte!
P.s. anche mia figlia due anni fa neo sospetto...ha una cicatrice sulla schiena che sembra una voragine a dodici anni...ma meglio così...almeno è andata bene...

1-2Punch ha detto...

You have the most beautifully prepared and presented dishes I have seen, this one is exceptionally so!

Claudia - PsV ha detto...

Ti ho scoperto guazie a Laura...e mi sono follemente innamorata del tuo blog! *_*

Scrivi benissimo e le tue foto sono eccezionali.

Detto ciò,è vero a volte hai voglia di abbandonare tutto ma la curiosità di sapere cosa c'è dopo non te lo fa fare quasi mai! Forza Forza Forza!:D

nightfairy ha detto...

Tesoro...e sei venuta a consolare me :) anche tu hai avuto periodi mica tanto semplici, e mi dispiace molto..ma poi perché le cose succedono una dietro l'altra?
Hai fatto bene a fuggire e cercare un pò di pace tra gli alberi, ed é un pò che ci penso anche io...a saperlo, ti raggiungevo!così mangiavo la crostata :-p
Sei una ragazza dolce, autoironica e piena di talento, meriti tanto, e quel tanto arriverà, deve! :) poi guardiamo il lato positivo: con tutte ste tasse, forse é meglio non avercela la casa, c'è un panzone peloso in meno sul tappetino del bagno e più tempo libero per te :) e per qualsiasi cosa(o fetta di crostata) mi trovi qualche blog più in là, acciaccata, ma ancora funzionante..ihih
Bacio!

Ines ha detto...

Ciao! Ho scoperto il tuo blog quasi per caso cercando la ricetta del pain au chocolate (ho salvato la ricetta). Sono proprio capitata in un paradiso!:D E' un piacere leggerti e vedere le tue meravigliose foto. Mi aggiungo al tuo blog.

Ines.

valentina ha detto...

Ciao ... il tuo blog e' meraviglioso! mi perderei tra le tue foto e ricette per ore e ore !!
I complimenti non potranno essere mai abbastanza ( le tue foto mi stanno creando una certa dipendenza eh ?).
Ti seguo con molto piacere ;)

Laura ha detto...

Non so perchè non riuscivo a commentare...ma mi sono sbloccata, forse..
Posso dire di essere orgogliosa e felice, perchè in questi mesi, tra tante vicissitudini, risate e lacrime (mie, tue..), posso dire:io c'ero.
Quando la distanza non conta un fico secco.
Ti Adoro.
Laura@RicevereconStile

Le immagini e i testi pubblicati in questo sito sono di proprietà dell’autore e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 e successive modifiche. Copyright © 2007-2012 LePupilleGustative di Chiara Pallotti